Alessia D’Epiro

Maestra Zen per il business

"Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo."

Alessia, quando e come nasce l’idea di essere una Maestra Zen per il business e nel concreto cosa significa? 
L'idea di essere coach e formatrice per donne che vogliono mettersi in proprio nasce dalla mia esperienza personale. Sono stata Brand Manager per tanti anni, ma a un certo punto mi sono accorta che il mio lavoro non era più coerente con i miei valori e i miei bisogni. Così mi sono reinventata, con l'obiettivo di sostenere altre donne nel loro percorso. Nel mio lavoro uso un approccio olistico, che concilia il fare con l'essere, la concretezza con l'interiorità: ecco perché mi chiamo “Maestra Zen”.

Nel tuo lavoro aiuti le neo imprenditrici facendole mettere a fuoco la loro attività, con un approccio olistico e le motivi costantemente, ma… chi motiva il motivatore? Quali sono le tue ancore / leve che ti fanno affrontare le sfide di ogni giorno?
Non sono propriamente una motivatrice, mi considero piuttosto una facilitatrice, cioè aiuto le mie clienti ad aumentare la loro consapevolezza per trovare le proprie risposte. La leva che mi fa affrontare le mie di sfide è uno strumento che ho sintetizzato ispirandomi a varie tecniche, dopo tanti anni di esperimenti su me stessa: una visual map. Ogni anno mi chiedo: in che direzione vorrei andare per quest'anno? E mi focalizzo su un’intenzione precisa (una sola!), ma che crei una trasformazione in tutte le aree della mia vita, partendo da quella interiore fino agli obiettivi lavorativi concreti. Funziona!

Hai uno mentore / maestro al quale ti ispiri? 
Tra le tante figure che mi hanno ispirato ci sono: Robert Kyosaky, perché credo che l'intelligenza finanziaria possa aiutare la crescita personale e le due cose non si escludano a vicenda; Thara More, esperta di leadership femminile che insegna alle donne a volare alto; Marie Forleo, insegna i fondamenti del business in un modo accessibile e intelligente al tempo stesso.

Quanto credi che sia importante l’atteggiamento e il pensiero positivo nel raggiungere i propri obiettivi?
Più che nel pensiero positivo, io credo nel pensiero investigativo.

Quando ci succede qualcosa, è bene non affrettarsi a giudicarla, ma farsi delle domande: perché mi è successo questo? Come ho contribuito all'accaduto? Cosa mi può aiutare a trasformare? Questo è l'atteggiamento che insegno alle donne che lavorano con me. Penso sia fondamentale per evolversi e realizzarsi.

Abbiamo visto che ti rivolgi a donne principalmente creative e artigiane, di cosa secondo te hanno più bisogno per partire o per continuare in modo efficace la loro attività? 
Più di tutto, le donne creative e artigiane hanno bisogno di definire il problema che risolvono e valorizzarlo in modo coerente. Spesso alle donne che vogliono mettersi in proprio non è chiaro come trasformare il proprio talento o la propria passione in un qualcosa che sia anche utile per gli altri. Focalizzare qual è il problema che risolvi è fondamentale per avere successo.

Che ostacoli può incontrare una donna nella realizzazione dei suoi sogni / progetti? 
Tre cose: la mancanza di un piano, di un budget e di un tempo. Un piano è essenziale per mettersi in proprio, come anche dotarsi di strumenti misurabili che ti facciano capire se quel piano sta dando risultati o va corretto. Per fare questo ci vuole anche un budget. Poi il tempo: troppe persone sono convinte di poter realizzare cambiamenti radicali in pochi mesi. Bisogna darsi il tempo di fare le cose per bene, non avere fretta. Un pò come quando un bambino è nella pancia della mamma, ci vuole il tempo che ci vuole!

Quali sono le skills che una donna può avere come marcia in più nel mondo del business? 
La resilienza è la vera marcia in più, cioè la capacità di cadere e rialzarsi, imparare dai propri errori, navigare nell'incertezza senza perdere la rotta. E poi, dal mio punto di vista, un grossissimo aiuto nel mondo del business viene da quello che definirei pensiero circolare, o la capacità di mettere insieme più idee, passioni, competenze trasversali. Chi è "multipotenziale" può trovare soluzioni più originali e interessanti ai problemi!

Spiegaci il percorso Womanboss© Academy, di cosa si tratta, quanto dura e a chi è rivolto? 
La Womanboss Academy è una scuola per le donne che vogliono mettersi in proprio. Il mio obiettivo è che le womanboss abbiano successo e guadagnino (bene!) senza snaturarsi e rimanendo fedeli a loro stesse. L'Academy rispecchia il mio metodo di insegnamento olistico, che unisce il lato razionale e gli obiettivi concreti alla valorizzazione dei bisogni, valori e talenti delle womanboss. La prima edizione è partita l'anno scorso, con 10 donne che non si riconoscevano più nel loro lavoro e volevano costruire un'altro percorso che le rispecchiasse di più. A settembre partirà la seconda edizione, le iscrizioni saranno aperte fino al mese di luglio.

Quali sono le tre cose da evitare quando si decide di essere libere professioniste?
Bisogna evitare l'improvvisazione, l'assenza di una "squadra" e di un budget a cui appoggiarsi. Come dicevo anche prima, quando si fa il salto è importante prepararsi un piano e un margine economico. Da non sottovalutare anche l'importanza di un team e un network, che ci supportino. Il coach serve proprio a questo, comunque anche se si vuol fare tutto da sole, un buon commercialista è il davvero il minimo!

Quali consigli daresti ad una donna che vuole iniziare a fare l’imprenditrice? 
Le consiglierei di focalizzare bene come immagina la vita di tutti i giorni. Spesso si hanno aspirazioni che non sono coerenti con i propri bisogni e valori, che poi definiscono il modo in cui si vive la propria vita quotidiana, e le proprie abitudini. Consiglio alle donne di partire proprio da lì, dal quotidiano, per capire la via giusta per reinventarsi. Altrimenti si finisce per fare progetti che sono insostenibili per noi.

In pillole

Nome: Alessia D’Epiro

Attività: Business Coach

 

 

Con un passato da Brand Manager, decide di mettere a servizio delle donne imprenditrici le competenze acquisite, con un approccio olistico, che concilia l’essere della persona con il suo fare.

 

 

alessiadepiro.it

 

 

Vuoi entrare in contatto con lei?

Contatta Brendalife, ti metteremo in contatto diretto con l'intervistata

Corso Brendalife

Giornata formativa dedicata alle donne.

La donna, le sue naturali skill e la sue attività lavorative sono al centro di questo workshop, pensato per darti l’occasione di riflettere sulle tue capacità manageriali e sulle tue possibilità di sviluppo professionale.

scopri il corso